...e sei libero di muoverti!

Lupus

a cura di Dott. Ing. Serena Pani - Ingegnere Biomedico - Dott. Guido Gadducci - Medico Chirurgo specialista in Anestesia e Rianimazione.

Descrizione e sintomi

il Lupus, meglio noto come LES (Lupus eritematoso sistemico) è una malattia cronica rara di natura autoimmune (colpisce il sistema immunitario), e può colpire diversi organi e tessuti del corpo.

Il sistema immunitario, generalmente deputato a difendere l'organismo da virus, batteri e agenti estranei vari, comincia improvvisamente a produrre autoanticorpi che distruggono i propri componenti.

Il nome della malattia fu dato dal medico (Dott. Pier Cazzenave) che la osservò per la prima volta, nel 1851, e indicò il rush cutaneo presente sul viso del paziente come simile al morso di un lupo.

 

I sintomi principali sono:

  • affaticamento anomalo;
  • febbre;
  • dolori articolari;
  • manifestazioni cutanee;
  • anemia;
  • tendiniti.

Inoltre la malattia colpisce diversi organi contemporaneamente ed è possibile che i sintomi della siano differenti da paziente a paziente.

Cause

La malattia è generata da un processo autoimmune in cui il sistema immunitario non riconosce più come proprie, le molecole presenti nelle sue cellule, e verso cui produce una serie di anticorpi che portano ad un danno irreversibile.
Attualmente non si conosce il motivo per cui questa patologia si verifica, ma sicuramente esiste una predisposizione genetica familiare. Tra le altre cause ipotizzate ci sono quelle legate a fattori ambientali (esposizione al sole, infezione da virus e batteri, stress, farmaci) e a particolari momenti in cui si verificano modifiche ormonali (pubertà, gravidanza e menopausa).

Diagnosi

La diagnosi del Lupus è piuttosto complicata, in Inghilterra viene anche chiamato The Great Imitator (Il grande imitatore), proprio per la sua natura subdola.

Gli effetti della terapia Enerpulse®

La terapia Enerpulse® è molto utile nel trattamento di molti dei sintomi presenti nel Lupus, determinando un notevole miglioramento nel paziente trattato che riduce, via via, la percezione dolorosa associata alla malattia. Si riducono infatti notevolmente i dolori articolari e muscolari, si minimizza molto il tipico senso di affaticamento connesso alla malattia, e si riescono ad ottenere ottimi risultati anche sulle manifestazioni cutanee.

Il macchinario va infatti ad agire sul metabolismo cellulare e sul potenziale di membrana. L'effetto è duraturo nel tempo perché si mette in grado la cellula di riattivare i processi che le consentono la vita. La cellula comincia a riossigenarsi, si riattiva infatti la respirazione mitocondriale e, in questo modo, viene nuovamente prodotta l'ATP, necessaria all'attività metabolica della cellula stessa. Contemporaneamente, viene riportato a valori ottimali il potenziale di membrana, responsabile degli scambi tra l'interno e l'esterno della cellula.

Riattivando le singole strutture cellulari, si riattiva l'intero organo e, successivamente, l'intero sistema. Il lavoro svolto dal macchinario non è pertanto localizzato all'area di algia o di infiammazione ma è l'intero sistema che viene riabilitato a svolgere le sue funzioni fisiologiche.

<<Inizio
<Prec.
13
14
15
Succ.>
Fine>>