...e sei libero di muoverti!

Tendiniti, distorsioni, lesioni dei legamenti

a cura di Dott. Ing. Serena Pani - Ingegnere Biomedico - Dott. Guido Gadducci - Medico Chirurgo specialista in Anestesia e Rianimazione.

Descrizione e sintomi

Una distorsione è una patologia che colpisce l'apparato locomotore a seguito di traumi, movimenti esagerati o anche a causa di uno scarso tono muscolare.

La distorsione causa una danno di gravità variabile alle componenti dell'articolazione: capsula, legamenti, tendini e menischi.

I sintomi tipici di una distorsione sono gonfiore, dolore e sensazione di calore.

Al fine di evitare la formazione dell'edema è consigliabile lasciare a riposo l'articolazione, applicare ghiaccio e consultare il medico al fine di escludere la presenza di una frattura.


In generale possiamo distinguere tre gradi di distorsione: il primo grado indica una leggera lesione, la così detta distorsione, che guarisce in breve tempo; il secondo grado implica invece una lacerazione parziale delle strutture legamentose; mentre nel terzo grado si ha una totale rottura delle stesse.

Cause

Una causa tipica delle distorsioni è a seguito di un trauma che provoca una movimentazione eccessiva di un'articolazione.

Questa patologia, sebbene comune a tutti gli sportivi, si verifica con maggiore incidenza negli sportivi occasionali, quelle persone cioè non allenate all'attività fisica, ma che occasionalmente vi si dedicano. Quando infatti la muscolatura non risulta sufficientemente allenata e sufficientemente forte, non è capace di contrastare e supportare eccessivi movimenti. Un allenamento adeguato aiuterà pertanto a ridurre i rischi connessi a questo tipo di trauma.

Diagnosi

A meno che non si tratti di una semplice distorsione è bene consultare il medico e non trascurare distorsioni di secondo e terzo grado, che possono portare a danni irreversibili all'articolazione o a dolore cronico.

Al fine di valutare l'effettivo stato delle strutture interne, il medico sottoporrà il paziente ad un esame radiologico, per escludere fratture ossee, ed, eventualmente, una risonanza magnetica che consenta di valutare le strutture legamentose.

Gli effetti della terapia Enerpulse®

La terapia Enerpulse® offre un validissimo e risolutivo rimedio per il trattamento di tutte le patologie legate a tendini e legamenti.

Il trattamento può essere applicato sin da subito, quando ancora si ha gonfiore e si avverte dolore acuto. Si osserva infatti una quasi immediata riduzione del gonfiore e, di conseguenza, una rapida riduzione della percezione dolorosa.

Il trattamento va comunque protratto per un certo periodo al fine di consentire alle cellule di recuperare le proprie funzioni e di espellere le tossine accumulate.

La caratteristica distintiva, rispetto alle altre terapie fisiche, è che va ad agire direttamente a livello cellulare, riattivando sia il potenziale di membrana, che regola gli scambi in ingresso ed uscita dalla

cellula, sia la respirazione mitocondriale, indispensabile per la produzione di ATP e, quindi,per la vita della cellula stessa.

L'onda prodotta è completamente biocompatibile ed innocua sia per il paziente che per i terapisti ed, inoltre, grazie al fatto che l'onda emessa è pulsata, non scalda i tessuti.

I risultati sono evidenti già dopo poche sedute, il paziente viene rapidamente rimesso nelle condizioni di sottoporsi ad eventuali altre terapie mediche o chirurgiche, riducendo i tempi del decorso dell'infiammazione.

La terapia Enerpulse® ha mostrato ottimi risultati anche nel post-operatorio, dove i normali processi di guarigione che l'organismo ha a diposizione, sono aiutati e catalizzati dal campo elettromagnetico prodotto in maniera innocua.

<<Inizio
<Prec.
13
14
15
Succ.>
Fine>>